Chatta con noi
Contatta il nostro Servizio Consumatori
Trova il tuo prodotto
Cane
Gatto
Trova il tuo prodotto
Scopri l'alimentazione più indicata per il tuo Cane
Trova il tuo prodotto
Scopri l'alimentazione più indicata per il tuo Gatto

Vermi nel gatto: cause, cura e alimentazione

Vermi nel gatto: sintomi e rimedi 

I proprietari di gatti spesso si trovano ad affrontare il problema degli endoparassiti, elminti (o vermi) in particolare. A essere maggiormente colpiti sono i soggetti più giovani che possono infestarsi anche attraverso l’assunzione di latte della madre parassitata. Dalle ultime statistiche circa un gatto su tre risulta parassitato.

 

Tra gatti che vivono in casa (indoor) e quelli che escono (outdoor), sono questi ultimi a essere più infestati. Ciò è dovuto al fatto che spesso cacciano roditori o uccelli che sono a loro volta ospiti intermedi per il parassita stesso. Gli elminti che maggiormente parassitano i gatti appartengono a due grossi gruppi: vermi a localizzazione intestinale e vermi a localizzazione non intestinale.

 

Il primo gruppo comprende i vermi tondi (Nematodi) e i vermi piatti (Cestodi).

Tra i Nematodi i più diffusi, i vermi intestinali sono gli Ascaridi e i Vermi ad Uncino. Entrambi vivono nella mucosa intestinale nutrendosi di cibo digerito e sangue.

 

Il Toxocara Cati è l’Ascaride di più frequente riscontro. Il gatto si infesta ingerendo le uova di questo verme presente nell’ambiente contaminato da feci di altri gatti parassitati, assumendo la forma larvale del parassita, oppure direttamente dal latte della madre. Una volta ingerito dal gattino, il parassita d compie delle migrazioni all’intestino ed arriva al fegato, alla trachea per poi tornare, attraverso l’esofago, nell’intestino dove raggiunge la maturità sessuale e si riproduce.

 

Sintomi dei vermi nel gatto

 

Proprio a causa di queste particolari migrazioni, i sintomi che si evidenzieranno nel gatto saranno variabili e andranno da abbattimento, vomito, diarrea a tosse e difficoltà respiratoria. Il Toxocara può infestare l’uomo attraverso l’assunzione di verdure poco cotte o non lavate in modo accurato, venute a contatto con feci di gatti parassitati, oppure ingerendo direttamente le uova del parassita portando le mani sporche alla bocca.

 

Altri Nematodi da citare, oltre al Toxocara, sono l’Uncinaria e l’Ancylostoma Tubaeforme, entrambi parassiti intestinali del gatto; la loro pericolosità sta nel fatto che sono ematofagi, ossia si nutrono del sangue del gatto e si ancorano in modo saldo alla mucosa intestinale causando spesso diarrea con sangue, grave anemia, dimagrimento.

 

Tra i Cestodi a localizzazione intestinale il più facile da ritrovare nelle feci di gatto è il Dipylidium, detto anche Taenia. Parassita anche del cane e delle volpi, gli animali mordicchiandosi e leccandosi ingeriscono la pulce a sua volta parassitata dalla forma larvale della tenia. Spesso non si ha una sintomatologia grave in tali casi, ma solamente dimagrimento e in rari casi diarrea, ma un proprietario attento può notare nelle feci del gatto delle piccole formazioni bianche, simili a chicchi di riso che non sono altro che le proglottidi (frammenti) che si distaccano dal parassita. Se i bambini ingeriscono una pulce parassitata possono infestarsi.

Come precedentemente sottolineato i vermi (Nematodi) non hanno sempre come sede di elezione il tratto gastro-enterico. Alcuni di essi si localizzano nel cuore (Dirofilaria Immitis) o nel tratto respiratorio (Aelurostrongylus abstrusus o Capillaria) o nel sottocute (Dirofilaria repens) o addirittura negli occhi (Thelazia) con sintomatologia che varia in base alla sede di localizzazione. Solamente il medico veterinario può correttamente diagnosticare la parassitosi in atto, attraverso un’accurata visita clinica.

 

Lo screening per diagnosi di parassitosi da endoparassiti parte sempre da un esame delle feci per flottazione, con feci raccolte nel corso dei due/tre giorni antecedenti la visita.

 

Rimedi e alimentazione contro i vermi

 

Una volta fatta diagnosi di verminosi la terapia consisterà nella somministrazione di farmaci mirati. Il veterinario deciderà quale prodotto sarà più indicato per debellare lo specifico parassita isolato nelle feci.

 

La prevenzione anche in questo caso ha la meglio: utilizzare antiparassitari regolarmente contro pulci, zecche e acari riduce il rischio di infezione; così come una sverminazione da eseguire in base alle indicazioni del veterinario.

 

In caso di vermi è importante cercare di intervenire anche a livello di alimentazione, per non far mancare al proprio animale i nutrienti e le sostanze necessari. Adatti in questo caso si rivelano Purina Pro Plan Light Gatto Crocchette ricco in pollo , che aiuta a supportare la salute intestinale così come dei cibi più specifici come l’alimento dietetico Purina Pro Plan Veterinary Diets gatto EN Gastrointestinal St/Ox , quest’ultimo disponibile sia nella variante secco che umido.