Chatta con noi
Contatta il nostro Servizio Consumatori
Trova il tuo prodotto
Cane
Gatto
Trova il tuo prodotto
Scopri l'alimentazione più indicata per il tuo Cane
Trova il tuo prodotto
Scopri l'alimentazione più indicata per il tuo Gatto

Come mantenere denti sani nel cane

Se ti stai chiedendo come mantenere sani i denti del tuo cane, dovresti ricordare che l’igiene orale del tuo animale è fondamentale. Il nostro amico a quattro zampe, infatti, può incorrere in vari problemi come il tartaro, l’accumulo di placca e la gengivite.

Proprio per questo motivo è necessario adottare delle precauzioni, ad esempio fissare un appuntamento con il veterinario ogni sei mesi, anche se ti sembra che i denti del cane siano sani. I checkup di routine, infatti, sono essenziali per evitare vari disturbi tra cui l’alito cattivo.

Un fattore che si deve tenere sotto controllo è rappresentato dai giochi che spesso i cani masticano. Se non sono abbastanza solidi, possono rompersi in pezzi più piccoli. In questo caso non si tratta soltanto di badare a preservare l’integrità dei denti, ma anche di evitare eventuali problemi al sistema digerente, se i pezzi accidentalmente vengono ingoiati.

 

Pulizia dei denti del cane 

È importante pulire i denti al cane sia a casa che dal veterinario. Se vuoi ricorrere al “fai da te”, scegli uno spazzolino adatto ai denti del tuo cane, da comprare nei negozi specializzati. Gli spazzolini per cani sono costruiti con materiali morbidi e hanno di solito delle setole angolate, per permettere una pulizia più profonda. Ricordati di non usare spazzolini per esseri umani, perché potrebbero irritare le gengive del tuo amico pelosetto.

Anche il dentifricio deve essere quello per animali. Ce ne sono alcuni che hanno gusti che piacciono ai cani, come per esempio pollo e pesce. Non usare i dentifrici per umani, perché contengono sostanze abrasive oppure detergenti che formano molta schiuma, che il cane potrebbe ingerire.

 

Come lavare i denti al cane

Prova a lavare i denti al cane dopo che ha fatto molta attività fisica perché, essendo stanco, sarà più facile che si lasci andare alla pulizia. Ai cani generalmente non piace molto farsi lavare i denti, quindi devi saper approfittare dei momenti più utili. Magari puoi associare la pulizia dei denti a dei premi e dare al cane un gioco, come gratificazione per essersi lasciato lavare.

Mentre lavi i denti al cane cerca di parlare in tono pacato e se dovesse agitarsi, smetti subito; le prime volte è meglio non esagerare nei tempi. Poi, man mano che si abitua, possiamo spazzolare i denti più a lungo.

Potrebbe essere utile anche usare un collutorio o un gel per l’igiene orale, che aiutano a prevenire la placca e l’accumulo dei batteri. Il collutorio va spruzzato su entrambi i lati delle guance mentre il gel si applica spalmandolo sulla dentatura. Poi il cane, con la lingua e le labbra, diffonderà in maniera naturale il prodotto utilizzato nel resto della bocca.

 

Come contribuire a rinforzare i denti del cane 

È importante anche rafforzare i denti del nostro animale facendogli masticare degli snack che contribuiscono alla riduzione della formazione di placca e tartaro.

PURINA Dentalife® è uno stick dentale pensato appositamente per contribuire alla pulizia dei denti del nostro animale mentre mastica. Ha una consistenza porosa e morbida e una forma con otto righe distinte per pulire tutte le zone della bocca, anche quelle più difficili da raggiungere. Fatto con mais e grano, senza aggiunta di zuccheri, a basso contenuto di grassi e senza aromi e coloranti artificiali, PURINA Dentalife® è adatto a un uso giornaliero e il suo delizioso sapore di pollo lo rende particolarmente gustoso per i tuoi amici a quattro zampe.

 

Come pulire i denti del cane dal veterinario

Dopo un’attenta visita, se ci sono troppi accumuli di tartaro, il veterinario potrebbe raccomandare di rimuoverli con una pulizia professionale specializzata. L’intervento viene condotto in sedazione, perché sia più confortevole ed indolore per l’animale. Si procede generalmente impiegando strumenti a ultrasuoni per rimuovere il tartaro dentale, unitamente al continuo risciacquo della bocca con una soluzione antibatterica. Poi si usa una soluzione per rimuovere la placca residua e si lucidano i denti.