Chatta con noi
Contatta il nostro Servizio Consumatori
Trova il tuo prodotto
Cane
Gatto
Trova il tuo prodotto
Scopri l'alimentazione più indicata per il tuo Cane
Trova il tuo prodotto
Scopri l'alimentazione più indicata per il tuo Gatto

Cura e pulizia delle ghiandole perianali dei cani

Ghiandole perianali del cane, quale alimentazione deve seguire 

Posizionate accanto all’ano del cane, le ghiandole perianali producono una secrezione liquida, tendenzialmente giallognola o marroncina, dall’odore forte. Questo liquido viene poi espulso attraverso il dotto escretore durante le funzioni fisiologiche. Sono due ghiandole molto importanti per il cane: quando lavorano male o vi è irritazione il liquido cambia colore, il cane mostra fastidio e tenta di alleviare la problematica cercando di mordersi la parte o strisciando le natiche per terra. È importante cercare di comprendere il loro funzionamento per individuare eventuali disfunzioni, così da accorrere in aiuto al più presto.

 

Ghiandole perianali: dove sono e a cosa servono 

Le ghiandole perianali sono all’interno di due sacche di forma ovale, sistemate bilateralmente rispetto all’ano: questa è per il cane un’area del corpo ricca di ghiandole, che producono fluidi e odori. Collegate all’intestino attraverso due tubicini sottili, liberano il liquido prodotto in modo autonomo, oppure tramite compressione data dalla defecazione. Tale sostanza appare giallognola o marroncina ed emana un odore molto forte, ricco di feromoni, che serve al cane per comunicare, una forma di linguaggio specifico per gli altri quadrupedi. È indispensabile tenere sotto controllo la salute delle ghiandole perché si infiammano facilmente: possono ostruirsi, favorendo la proliferazione di batteri fino alle formazioni tumorali. Il cattivo funzionamento può incentivare fistole e ascessi, con la produzione di un liquido molto più scuro e fortemente maleodorante. Il cane cerca di alleviare la condizione pulendo l’area o strisciando il posteriore per terra.

 

Pulizia delle ghiandole perianali 

 

Perché la situazione ritorni nella norma, per aiutare il cane e incentivare la salute delle ghiandole perianali, Il veterinario potrà optare per il loro svuotamento manuale.

Non è una pratica immediata da eseguire in modo casalingo: un gesto sbagliato potrebbe solo aumentare il dolore patito dal cane. Per un’esecuzione perfetta e calibrata è importante chiedere supporto al veterinario di fiducia che, con la giusta manualità, potrà disostruire le ghiandole liberandole dal loro contenuto infetto. Nel caso la problematica si rivelasse più pressante, il medico veterinario potrà suggerire lavaggi o impacchi caldi utili a rimuovere il materiale solidificato, ma anche terapie farmacologiche necessarie per ridurre l’infezione, fino alla soluzione chirurgica.

 

Alimentazione consigliata

 

Non solo ostruzioni o infiammazioni, anche l’alimentazione gioca un ruolo importante nella salute delle ghiandole perianali. Il pasto deve risultare calibrato e bilanciato, per permettere la formazione di feci della giusta consistenza che al loro passaggio possano agevolare il lavoro delle ghiandole perianali.

La linea OptiDigest di PURINA PRO PLAN, per cani con digestione sensibile, è formulato per garantire un’elevata digeribilità e con ingredienti specifici per favorire una buona qualità delle feci; inoltre contiene prebiotici che aiutano a migliorare l’equilibrio della microflora intestinale. Anche TONUS DOG CHOW Adult Light Cane con Tacchino offre una nutrizione completa e bilanciata al 100% e contiene specifici ingredienti che aiutano a migliorare la consistenza fecale e il regolare transito intestinale.