Come Interpretare il Comportamento del Cane

Come Interpretare il Comportamento del Cane

COME INTERPRETARE IL COMPORTAMENTO DEL CANE  

Il proprietario responsabile dovrebbe imparare a interpretare il comportamento del suo cane, in quanto uomo e cane appartengono a due specie assai distinte con modi di comunicare molto diversi.

COME COMUNICA IL CANE  

Per il cane la comunicazione vocale, pur essendo presente e varia, non è di certo sviluppata come per noi umani.

Molto più di noi, i cani ricorrono al linguaggio del corpo, attraverso una notevole varietà di segnali comunicativi innati o appresi dalla madre.

Il cane per comunicare le sue emozioni, desideri e stati d’animo si avvale infatti della postura, delle mimiche facciali, degli atteggiamenti corporali, che un proprietario deve imparare a riconoscere, assieme alle vocalizzazioni emesse. Spesso siamo portati a dare maggiore peso alla comunicazione sonora e a volte tendiamo ad umanizzare i comportamenti del cane, ma dobbiamo imparare ad osservare il nostro cane ancora prima di ascoltare i suoi guaiti, abbai, mugolii, ringhi…

IL LINGUAGGIO DEL CORPO DEL CANE   

Il linguaggio del cane si fonda su aspetti visivi, olfattivi, sonori.

Quelli olfattivi si basano per lo più sui feromoni, molecole odorose che noi esseri umani non riusciamo a percepire. Pertanto, focalizzeremo la nostra attenzione sugli altri due aspetti.

SEGNALI VISIVI  

  1. Sguardo del cane: occhi con palpebre socchiuse e sguardo non fisso, indicano uno stato rilassato.
    Lo sguardo fisso, attento, severo, rivela uno stato vigile, ma anche uno stato di aggressività.
    Lo sguardo fisso a lungo, duro, comunica aggressività, minaccia, sfida, desiderio di mantenere la distanza.
    Lo sguardo distolto dalla persona o altro animale, infine, indica uno stato di calma, la deferenza, l’assenza di sfida, così come anche il desiderio di avvicinamento, di socializzazione.
  2. Espressioni facciali: lo sbadiglio indica stress, ma più frequentemente viene utilizzato per comunicare una proposta di calma, di rilassamento. Come succede anche fra noi umani, è un segnale estremamente contagioso. Il leccamento delle labbra indica appetito ma anche uno stato ansioso. Mostrare i denti sollevando le labbra equivale a dire “ti mostro le mie armi”, quindi comunica una minaccia. Gli sbuffi con le labbra significano stato ansioso.
  3. Orripilazione: sta ad indicare uno stato di eccitazione, può indicare quindi anche aggressività.
  4. Postura: il rannicchiamento al suolo indica paura: il cane vuole sembrare più piccolo, generalmente mostra in questo modo la sua intenzione di non voler attaccare, e di cercare una via di fuga. Portato al massimo, questo segnale si tramuta in rotolamento sul dorso ed esposizione del ventre. Tuttavia, quando mostra l’addome nei confronti del proprietario, con questo segnale il cane indica che desidera ricevere delle coccole. L’elevazione del corpo e il portamento in avanti del peso indica interesse verso qualcosa, ma anche intenzioni aggressive, specialmente quando la coda è portata contratta in alto: il cane in questo caso vuole apparire più grande e minaccioso. Il ventre a terra con le zampe anteriori portate in avanti e la groppa tenuta in alto indicano felicità, desiderio di relazionarsi, invito al gioco.
  5. Portamento e movimento della coda. La coda ripiegata sotto le zampe comunica paura, sottomissione. La coda al di sopra della linea orizzontale del corpo significa sicurezza, status sociale elevato. La coda portata al di sotto della linea orizzontale manifesta scarsa sicurezza di sé, status inferiore, deferenza, paura. Lo scodinzolamento segnala un desiderio positivo di interazione. Il movimento della sola punta della coda comunica sicurezza, propensione all’aggressività.
  6. Posizione delle orecchie: orecchie dritte indicano un cane vigile, sicuro di sé; le orecchie abbassate sono invece un segnale di paura. Orecchie ripiegate all’indietro ma verticalmente sono usate dal cane per comunicare sottomissione, deferenza, status basso.

 

SEGNALI VOCALI     

  1. Abbaio: stato di allerta, intimidazione, richiamo di attenzione.
  2. Ringhio: intimidazione, richiesta di aumentare la distanza interpersonale.
  3. Ululato: stimola il contatto sociale.
  4. Mugugno: piacere, appagamento.
  5. Guaito/Mugolio: richiesta di attenzione, di cure materne.

Generalmente i segnali sonori vengono sempre accompagnati dalle posture e dalle mimiche facciali in modo coerente con la comunicazione che il cane vuole esprimere.

Alcune volte i segnali del cane sono conflittuali con quelli umani, pertanto possiamo facilmente confonderli. Di seguito alcune situazioni in cui dobbiamo prestare più attenzione:

  1. Quando un cane lecca le mani o il viso del proprietario significa che lo sollecita ad una relazione affettiva, ma il cane si può anche presentare in modo prevaricante: quando la sua richiesta diviene insistente, esigente, una forzatura nei confronti del proprietario, essa diventa un comportamento di sopraffazione. Sarebbe opportuno da parte del proprietario non incentivare questo genere di richieste insistenti.
  2. Quando un cane abbaia rivolto verso il proprietario può voler attirare la sua attenzione verso qualcosa, ma anche sollecitare il proprietario ad interagire con lui: anche questo comportamento, se reiterato, insistente, ossessivo, viene considerato un’alterazione del corretto stato di deferenza instaurato nel gruppo sociale.
  3. Quando un cane appoggia una o entrambe le zampe anteriori sulle gambe o sul corpo del proprietario assume un atteggiamento di prevaricazione nei sui confronti in quanto esige la sua attenzione: il proprietario coerente con la relazione sociale instaurata non sarebbe tenuto a corrispondere a tale richiesta.
  4. Quando il cane gira su sé stesso lo può fare per vari motivi:
  5. per cercare una posizione ottimale prima di accucciarsi.
  6. per cercare il posto più adatto per evacuare.
  7. per eccitazione e cercare una relazione con il proprietario.
  8. perché ha dolore o prurito alla coda o alla regione perineale.
  9. per noia.
  10. per ansia.

Fonti

P. Pageat PATOLOGIA COMPORTAMENTALE DEL CANE

K. L. Overall LA CLINICA COMPORTAMENTALE DEL CANE E DEL GATTO

Esperienza clinica ambulatoriale personale del Dottor Alberto Franchi iscritto O.M.V. di Verona n° 425 dal 1986

Scopri la dieta adatta al tuo pet

Il mio cane

dog icon

Il mio gatto

dog icon

QUALITA PURINA

RESO SEMPLICE

PAGAMENTI SICURI E PROTETTI

SPEDIZIONI SICURE E VELOCI

Pets image 
Purinashop.it - Nestlé Purina Commerciale S.R.L. - Via del Mulino 6, 20057 Assago (MI) - REA MI-2559009, P. IVA 10805410965 ed è gestito ad ogni effetto operativo da B2X S.r.l. con sede in Roma, Via Tiburtina, 1236, P.IVA 11020591001, PEC b2x@legalmail.it - Tutti i diritti riservati.