Cibo per gatti: come leggere l'etichetta informativa

Cibo per gatti: come leggere l'etichetta informativa

Per assicurare al nostro gatto un'esistenza serena e in salute, è di fondamentale importanza prestare attenzione alla scelta del cibo per gatti. In commercio sono infatti presenti le più svariate proposte e, proprio a causa di questa ampia disponibilità, può risultare difficile identificare la soluzione più adatta alle esigenze del proprio amico a quattro zampe. Naturalmente, il primo passo è quello di affidarsi ai consigli del veterinario di fiducia, che saprà indicare la tipologia migliore di cibo sano per gatti. Al contempo, è necessario prestare attenzione alle etichette, per verificare tutte le informazioni nutrizionali sul prodotto. Ma come leggere l'etichetta in modo corretto, quali sono i dettagli da prendere in considerazione? 

Tipologia di alimento 

Come è facile intuire, il primo passo per leggere correttamente l'etichetta è quello di individuare la tipologia di alimento. In linea generale, le proposte per gatti si suddividono in due grandi categorie, ovvero cibo secco e umido. Il primo si caratterizza per una consistenza croccante e una buona capacità di conservazione nel tempo. Inoltre incentiva la masticazione, contribuisce alla pulizia dei denti e può essere usato anche come premio, ad esempio per stimolare il gatto all'esercizio fisico. Il secondo, solitamente distribuito in monoporzioni, ha una consistenza morbida e un sapore intenso ed è pensato non solo per offrire al gatto un pasto completo, ma anche per garantire un corretto apporto quotidiano di liquidi.

La principale differenza tra le due tipologie di alimenti è data dal quantitativo d'acqua presente: i cibi secchi ne contengono una percentuale pari o inferiore al 14%, quelli umidi pari o superiore al 34%. È consigliabile inserire nella dieta quotidiana del gatto entrambe le alternative.

Dopo questa prima distinzione, proseguendo nella lettura dell'etichetta è possibile incontrare un'ulteriore suddivisione:

  • Alimento completo: un alimento in grado di coprire l'intero fabbisogno del pasto felino, offrendo un completo apporto di principi nutritivi, minerali e vitamine;
  • Alimento complementare: si tratta di un cibo che, per le sue caratteristiche, dovrà essere consumato in combinazione con altre soluzioni per garantire all'animale un pasto completo. È il caso, ad esempio, degli snack;
  • Alimento dietetico: una proposta dalla composizione nutrizionale rivolta a felini con esigenze specifiche, o determinate condizioni cliniche. Questi cibi seguono specifici standard nutrizionali e devono essere somministrati solo in seguito a raccomandazione del proprio veterinario di fiducia.

Composizione e componenti analitici 


Dopo aver identificato la tipologia di alimento, l'analisi dell'etichetta del cibo per gatti prosegue con la sua composizione. In questa area vengono riportati gli ingredienti impiegati per la preparazione della ricetta: oltre al semplice elenco, alcuni produttori inseriscono anche le 

percentuali relative a ogni singolo ingrediente. L'elemento principale sarà probabilmente una proteina animale– manzo, pollo, tacchino e via dicendo – considerando come le proteine di origine animale siano essenziali per il benessere del gatto. A seconda delle caratteristiche del prodotto, possono essere inoltre presenti in lista cereali, proteine vegetali, oli e grassi, lieviti, verdure e molto altro.

Oltre al semplice elenco degli ingredienti, ben più importante è l'area dell'etichetta dedicata ai componenti analitici. In questa sezione vengono inseriti i valori percentuali di alcuni elementi specifici che caratterizzano l'alimento:

  • Proteine grezze: indica la percentuale di tutte le proteine presenti nell'alimento. Di norma, una proposta alimentare di qualità dovrebbe rispettare il fabbisogno minimo felino del 25-30%;
  • Grassi grezzi: la quantità percentuale di grassi, a volte riportati anche come oli, contenuti nell'alimento. Sono una fonte essenziale di energia per il gatto, tuttavia l'apporto giornaliero deve essere minore rispetto alle proteine. Un buon cibo secco dovrebbe comprendere tra il 10 e il 20% di grassi, preferendo valori inferiori per felini inclini al sovrappeso. I valori dell'umido sono più variabili, normalmente si attestano tra il 4 e l'8%;
  • Fibra grezza: riporta la percentuale di fibra presente nella ricetta, essenziale per il buon funzionamento del transito intestinale. Questo valore è maggiormente rilevante per l'alimento secco rispetto all'umido, che ne contiene quantità solitamente ridotte. Per crocchette e affini, ad esempio, si possono considerare percentuali comprese tra il 2,5 e il 7%;
  • Ceneri grezze: è il valore della sostanza inorganica che si ottiene dopo l'incenerimento di quella organica. Semplificando, rappresenta i sali minerali presenti nell'alimento, tra cui calcio, fosforo, magnesio e potassio, a cui se ne possono aggiungere anche altri. La percentuale può variare enormemente da un prodotto all'altro, anche in relazione alla loro destinazione d'uso: alcuni alimenti per necessità specifiche, come quelli per gatti sterilizzati, contengono meno sali minerali;
  • Altri componenti: eventuali elementi aggiuntivi dell'alimento, come ad esempio gli Omega 3.

Additivi nutrizionali e tecnologici 

L'etichetta fornisce anche informazioni importanti sugli additivi presenti nel prodotto, che dovranno essere chiaramente specificati, così come prevede la normativa attualmente in vigore. La prima tipologia che può essere riportata sulla confezione è quella degli additivi nutrizionali, ovvero tutti quegli elementi che vengono aggiunti al preparato per rendere il pasto completo. In questa sezione, ad esempio, si potrà trovare la lista delle vitamine e dei sali minerali aggiunti, così come il valore percentuale di elementi quali la taurina, fondamentale per la salute del gatto.


Seguono i cosiddetti additivi tecnologici, ovvero tutte quelle sostanze che vengono impiegate a livello industriale per garantire la tenuta e la conservazione del prodotto. In questa lista possono pertanto apparire conservanti, antiossidanti, correttori di acidità e via dicendo. Il ricorso a questi componenti è autorizzato dalla legge, che ne fissa i limiti affinché non siano pericolosi per l'animale.

Istruzioni per l'uso e tabelle nutrizionali 

Infine, le etichette riportano le istruzioni per l'uso, tra cui le modalità di somministrazione e conservazione, la griglia con la razione giornaliera raccomandata, e l'eventuale necessità di abbinare acqua fresca.

Purina, da sempre leader nell'alimentazione sana per gli animali domestici, offre un nutrito gruppo di soluzioni adatte alle esigenze di qualsiasi gatto. Con la linea Beyond, ad esempio, Purina ha deciso di puntare su un cibo per gatti con ingredienti naturali selezionatissimi e pensati per il benessere a 360 gradi del felino. Felix è la proposta dedicata ai gatti golosi e vivaci, ricca anche di numerosi snack, mentre Friskies offre una completa gamma di alimenti per ogni fase di vita del gatto. La linea Gourmet propone al micio di casa delle ricette prelibate con ingredienti di elevatissima qualità, mentre Cat Chow si ispira alla natura per seguire il quadrupede dall'infanzia alla vecchiaia. Per chi fosse alla ricerca di soluzioni ad alto valore nutrizionale, le proposte Purina One rappresentano la scelta più indicata, mentre con Pro Plan e Pro Plan Veterinary Diets il gruppo si è avvalso del supporto di veterinari e nutrizionisti, per degli alimenti utili sia per mantenere il gatto in forma che per aiutare nella gestione di alcuni frequenti condizioni cliniche.

 


Scopri la dieta adatta al tuo pet

Il mio cane

dog icon

Il mio gatto

dog icon

QUALITA PURINA

RESO SEMPLICE

PAGAMENTI SICURI E PROTETTI

SPEDIZIONI SICURE E VELOCI

Pets image
Purinashop.it è un sito di proprietà di Nestlé Italiana S.p.A., Divisione Purina Petcare, con sede legale in Via del Mulino 6, 20090 Assago (MI) - REA 91673/MI, P. IVA IT00777280157 ed è gestito ad ogni effetto operativo da B2X S.r.l. con sede in Roma, Via Tiburtina, 1236, P.IVA 11020591001, PEC b2x@legalmail.it - Tutti i diritti riservati